In slittino al ‘t Twiske (romance sans paroles)

Con questa combinazione di temperature appena sotto lo zero, resti di neve e un raggio di sole, come fai a restare a casa? Afferri lo slittino ed esci.IMG_6394

Quello che non mi sarebbe mai venuto in mente, se non lo avesse proposto Antonella, era di andare al ‘t Twiske, una riserva naturale proprio tra Amsterdam Noord, Landsmeer e Oostzaan, dove spesso e volentieri andiamo quando fa bel tempo. Come si vede dalla piantina, è pieno di laghetti, corsi d’ acqua e canneti e siccome la qualità dell’ acqua viene controllata e in genere è buona, ci si può andare a nuotare in estate. Adesso abbiamo appena scoperto che anche in inverno con la neve ha un suo perché andarci. Qui le foto di mercoledì scorso, se domani rinevica, ci torniamo.

IMG_6374 IMG_6389 IMG_6396 IMG_6399

 

Neve! ad Amsterdam

fotoSi sapeva da qualche giorno che le temperatura si sarebbero abbassate presto e che poi veniva la neve, e a me sinceramente fa anche piacere, altrimenti che inverno sarebbe? Già da un mese avevo calato la slitta dalla soffitta e mi sta in piedi in cucina (ci metto sopra le mappine ad asciugare) e tra i piedi, ma sono troppo pigra per riaffrontare la salita in soffitta, dove dovrei riportare anche le decorazioni natalizia.

Stamattina maschio alfa che è un uomo previdente, visto che deve farsi quelle due ore e mezzo di tragitto casa-lavoro tutti i giorni, è partito prima delle sette per non trovare troppo traffico per strada.

E così quando siamo andati a prendere la macchina condivisa, al buio delle 8, l’ abbiamo trovata così. Il buco nel parabrezza è il punto dove sta il sensore contro cui devo mettere il pass per farla aprire. Insomma, ci siamo divertiti a ripulirla e Orso ha pure fatto una palla di neve e, mannaggia, adesso che ci ripenso, l’ ha pure messa nel vano dello sportello, non dovrebbe squagliarsi, ma hai visto mai? Meglio se mi ricordo di toglierla oggi pomeriggio.

È vero che nel tunnel si andava a passo d’ uomo e quindi a scuola di Ennio, oltracqua, ci siamo arrivati alle 9 passate, ma abbiamo telefonato per avvertire. E oggi pomeriggio si rifà daccapo per recuperarli.

fotoPerò ci siamo messi d’ accordo che tiro fuori i pantaloni da sci e che chi mi spala il vialetto lo pago 20 centesimi. Ne volevano 50, ma gli ho fatto notare che possono tenersi la neve per fare un megapupazzo e quindi ci guadagnano anche loro. Anzi, magari voglio spalare anche dai vicini.

Tutto, pur di evitare un pomeriggio di wii e litigate. Meno male che c’ è la neve. Anche il giardino ha tutto un altro fascino con i rottami ricoperti.