Orange is the new black (nazionalismi calcistici)

 

 

 

oranje bovenVoi mettetevi nei miei panni e poi ditemi: poverina. Perché qui sono mesi che la Orange fever va avanti a ritmi che voi non vi potete immaginare e se dio esiste adesso hanno perso e ci possiamo rilassare un attimo.

binnenvaart

No, per dire, quello che vedete qui sopra è il giornalino aziendale del trasporto fluviale che augura il meglio agli oranje e così i loro clienti vedono, si immedesimano e partecipano e si crea fidelizzazione.

Se non ci credete guardatevi intorno quanti prodotti da mesi vengono venduti in versione arancione. Non dico i semplici ammennicoli del tifoso come vestiti, scarpe, cappelli, bandiere, festoni, trombette, toh, al limite pure le lattine di birra edizione speciale.

No, dico tortine, cracker, limonata per bambini, mouse, frullatori, persino il gesso agli ospedali.20140710-111438.jpg

20140710-111508.jpg

20140710-111554.jpg

20140710-111611.jpg

Dov’ è, dico dov’ è Marianne Thieme e il suo partito per gli animali, quando ce ne sarebbe bisogno?

 

 

20140710-111634.jpg

 

 

 

Figlio 1, l’ unico, vero appassionato di calcio della famiglia, che non si capisce da dove gli viene e poi uno pensa seriamente all’ opzione lattaio, persino lui ha dichiarato solennemente il primo giorno della prima parità dell’ Olanda:

– Io comunque ai mondiali tengo per l’ Italia?

– Ma davvero? mi fa piacere, ma non devi farlo per me

– No, è che mi sono scocciato.

– Di cosa?

– Ma di tutto, sta dovunque, anche nei negozi che non c’ entrano niente.

Lì ho capito di aver davvero fatto un figlio olandese, che la sobrietà ce l’ ha talmente nei geni da perdersi per strada le altre manifestazioni frivole e criptofasciste dell’ Orange Fever.

20140710-111719.jpg20140710-111331.jpgPerché se date un’ occhiata i Batavi come si combinano il circondario, non dico che come un sol uomo tirano fuori abbigliamenti arancione, le parrucche con le corna e le trecce arancioni, i cappelli con le tette, le bandiere, i colori per pittarsi la faccia, e ci si presentano pure in pubblico, ma proprio inseriscono questa passione anche nella vita professionale, uno non ci crederebbe che il resto dell’ anno il loro motto nazionale si Doe maar gewoon, dan doe je gek genoeg (comportati banalmente, che già così sei fin troppo stravagante) e la stravaganza, si sa, in questo paese va punita a mazzate. Basta che non sit ratti di calcio.

Così si vedono palazzoni per uffici coperti da teloni 30 x 10 che dichiarano: anche X tifa Oranje (dove a X potete tranquillamente sostituire qualsiasi banca, assicurazione, supermercato, ditta di logistica, il pizzicagnolo dietro l’ angolo. Solo i grandi uffici internazionali di avvocati e fiscalisti mantengono un profilo basso).

Per fortuna hanno perso, perché gli olandesi il meglio di loro lo danno nella sconfitta. Improvvisamente diventano tutti dei lord inglesi che danno la mano agli avversari e finalmente tacciono per un istante, invece di seppellirti dei loro commenti, opinioni, arroganza varie e rompicoglionaggine sparsa, quella per cui metà dei proverbi inglesi del ‘600 li citano (Dutch Courage = la sbruffonaggine indotta dall’ uso smodato di alcol ne sarebbe uno).

Adesso per un paio di giorni ce li godiamo così,  li facciamo discettare di tutti i falli, errori arbitrali, cattiverie ai loro danni che ci sono state, senza ricordargli, per pietà cristiana e poi in realtà perché gli vogliamo bene, di tutti i falli, sviste arbitrali, guardalinee cecati che ci sono stati nei giorni scorsi a loro vantaggio), ma tranquilli, sobri, rilassati, senza dover più dimostrare qualcosa al mondo.

Ci compreremo tutte le lattine di birra arancioni in svendita, aspetteremo che i festoni di plastica vengano distrutti dalla pioggia e dal venti e le bandiere stirate e riposte per il prossimo giro, e possiamo finalmente cominciare a discutere di cose serie. Tipo: allora anche quest’ anno venite in vacanza in Italia?

Un pensiero alla nostra regina Màxima, argentina di nascita: ma come hai fatto a sopravvivere all’ ultima settimana? Noblesse oblige.

 

4 thoughts on “Orange is the new black (nazionalismi calcistici)

  1. Questa febbre da calcio non l’abbiamo avuta nemmeno in Italia, dove a parte un tifo indiavolato durante le partite non c’è stato altro. Ad ogni modo vorrei complimentarmi con Mammamsterdam. Seguo questo blog dai tempi del mio primo viaggio ad Amsterdam nel 2010. Erano mesi, forse un anno che non ci facevo un salto ma è sempre bello vedere quanto sia ben curato e fatto. Questo blog è un mezzo valido di arricchimento culturale sulla vita olandese,lo stato olandese ed a differenza dei soliti libri e diari di viaggio ha un punto di vista molto personale, pertinente con le problematiche di qualsiasi viaggiatore/aspirante nuovo cittadino di questo paese. Continua così e non fermarti, questo blog è fatto davvero bene!

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...