Urban-knitting per L’ Aquila (4 knit-cafè ad Amsterdam, chi viene? Anche se non sai fare)

preso dal blog di Animammersa

Come forse avrete notato non c’ è ancora una pagina di Abruzzo nel cuore in questo nuovo blog, ma adesso iniziamo subito. Dal gruppo Aquilano Animammersa è partita questa iniziativa bellissima: per il 6 aprile, terzo anniversario dal terremoto, si terrà una sessione di urban-knitting all’ Aquila. Chi vuole partecipare a distanza può realizzare ai ferri o all’ uncinetto pezze da 50X50, 40×40 o 20×20 in qualsiasi materiale e filato si desideri e mandarle entro il 24 marzo presso:

Associazione Culturale Animammersa
c/o Patrizia Bernardi via Strada Statale 17 Bis SNC
67100 Paganica L’AQUILA

Come mai? Be, perché una città in cui manchino gente e vita diventa subito molto grigia.  E contro quel grigiore occorre metterci una pezza. Così si chiama il progetto: Mettiamoci una pezza (cliccate sul nome e arriverete al loro blog).

Ad Amsterdam sto organizzando 3 knit-cafè e possono partecipare tutti, anche se non avete mai tenuto in mano ferri e uncinetti, e anche se non avete intenzione di imparare, perché ci sono altri lavori utilissimi che potete fare per aiutare, se solo sapete tenere in mano una forbice o un taglierino. Leggete oltre cosa e come.

Gli knit-cafès si tengono nei seguenti giorni e luoghi:

  • 9 marzo, dalle 20.00, alla Scuola d’ Italia, sint Janstraat 37
  • 10 marzo, dalle 18, all’ incontro con la comunità italiana presso l’ Associazione Portoghese di Amsterdam, Willem Schoutenstraat 1, Amsterdam, ci sarà una cena autogestita, se vi interessa contattatemi che vi metto in contatto con i responsabili
  • 11 marzo, dalle 15, sede da stabilire.

Cosa portarvi: lane, cotone e qualsiasi altro tipo di filato abbiate sottomano, oltre a ferri e uncinetto. Chi non li ha, ma vuole imparare, potrà comprare sul posto le Lane d’ Abruzzo e i ferri e uncinetti in faggio fatti a mano, dalla collezione di Roberta Castiglione.

Ma intendo usare anche materiali alternativi, così se avete vecchie t-shirt e in generale qualsiasi cosa in tricot che abbiate in casa, portatele. Le t-shirt si possono tagliare – vi insegno la tecnica – in strisce da 1 cm. per poi lavorarle con uncinettoni di grosse dimensioni. Le vecchie maglie in disuso possiamo disfarle e ricavarne nuovo filato. Come vedete quindi c’ è da fare per tutti. (Mai fatto, ma cosa non si impara a frequentare i blog di gente creativa).

Ci saranno cosette da mangiare e bere vendute a prezzi popolari, così mettiamo insieme anche le spese di spedizione delle pezze. Si chiacchiererà, ci si conoscerà e se trovo qualche amico musicista disposto, ci sarà della musica dal vivo (o se siete voi gli amici – anche futuri – musicisti, fatevi sentire).

Spargete la voce, sarà una roba internazionale, e se intendete venire fatemelo sapere mandando una mail con in oggetto: mettiamoci una pezza presso: orsovolante@gmail.com

Vi aspetto. E inoltre se conoscete gruppi di quartiere, case di riposo, scuole e comunità di vario genere nei Paesi Bassi che vogliono partecipare, intanto proponeteglielo e per i dettagli fatemi contattare. Oppure gestitevelo voi e mandate le pezze a:

Associazione Culturale Animammersa
c/o Patrizia Bernardi via Strada Statale 17 Bis SNC
67100 Paganica L’AQUILA

4 thoughts on “Urban-knitting per L’ Aquila (4 knit-cafè ad Amsterdam, chi viene? Anche se non sai fare)

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...